Anno 1920, olio su cartone, 24×35 cm.

D’una tonalità chiara e viva, fino a parere talvolta un poco stridula, essi sono eseguiti con tocchi rapidi, nervosi ed uniformi, in cui si legge una ricerca di concisione elegante… i toni sono spesso cenerognoli e smorti, altre volti striduli e smaccati come fuochi di bengala. Egli ama le opposizioni violente fra i raggi del sole e le zone verde freddo del rezzo o grigie e plumbee del crepuscolo; ma queste antitesi non sono sempre realizzate senza urto, e ci vuole un po’ di tempo ad abituarsi ai mezzi cromatici di un pittore che si esprime senza la minima malizia e quasi empiricamente… – Vincenzo Bucci

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>